CAMPAGNA DI CONTROLLI IN PROVINCIA DI CASERTA DEI CARABINIERI FORESTALE SUI PRODOTTI AGROALIMENTARI MAGGIORMENTE CONSUMATI NEL PERIODO PASQUALE

 I Reparti dei Carabinieri Forestali operanti nella provincia di Caserta dipendenti dal Gruppo di Caserta, ovvero il Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) e le nr. 11 Stazioni Carabinieri Forestale, in questi giorni hanno proceduto ad

effettuare una campagna di controlli sui prodotti agroalimentari maggiormente consumati nel periodo pasquale: uova fresche, farina, carne ovi-caprina, preparati lattiero caseari, prodotti dolciari ed uova di cioccolato.

Le verifiche hanno riguardato la rintracciabilità dei prodotti rinvenuti in vendita, la regolarità delle notizie riportate in etichetta, nonché sulla sussistenza di eventuali manovre speculative sui prezzi praticati al dettaglio.

Di rilievo risulta che la quasi totalità dei controlli non ha evidenziato irregolarità ad eccezione dei seguenti due casi.

Nel corso di un controllo operato dai militari appartenenti al predetto NIPAAF Carabinieri di Caserta ed alla Stazione Carabinieri Forestale di Marcianise, coadiuvati dai medici veterinari dell’A.S.L. di Caserta Dipartimento di Prevenzione U.O.V. di Marcianise, presso una rivendita di carni sita in comune di Capodrise (CE), nel corso del quale è stato riscontrato:

  • l’illegale presenza di n° 4 carcasse scuoiate ed eviscerate di specie caprina detenute per la successiva commercializzazione in cella frigo prive della bollatura sanitaria e di qualsivoglia altra indicazione di origine e di provenienza, integrando il reato di attività di macellazione clandestina di animali in stabilimento privo di riconoscimento comunitario;
  • la detenzione di kg 65,8 di carni imballate (del tipo schiacciata di salame, fiocchi di maiale, pancetta rotolata e salame), sprovvista delle indicazioni obbligatorie previste per legge a tutela del consumatore;
  • la detenzione di kg 43 di carni suine lavorate (del tipo guanciali, capicollo, e fiocchi di carne) non conformi in relazione alla normativa sulla rintracciabilità alimentare.

Detti prodotti sono stati sottoposti a sequestro, di tipo giudiziario per le carni caprine provenienti da macellazione clandestina, di tipo amministrativo per le descritte altre due tipologie di violazioni. I responsabili sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà ed al legale rappresentante della ditta sono state anche comminate sanzioni amministrative per un importo complessivo di euro 1733,33.

Nel corso di un altro controllo, invece, presso un panificio in comune di Carinaro (CE) è stato accertato che venivano esposte per la vendita delle forme di pane non preimballate in assenza di un cartello o di altro sistema equivalente che recasse le indicazioni obbligatorie previste dalle normative vigenti. Prodotti da forno in nr. di 166 che sono stati, quindi, sottoposti a sequestro amministrativo, per un peso complessivo di circa 35,33 kg, ed è stata comminata la sanzione amministrativa computata in misura ridotta in €. 2000,00.