Stampa
Categoria principale: FORO DI S.MARIA C.V. OGGI
Categoria: ULTIMISSIME DAL COA
Visite: 1067

Ecco il documento in esclusiva con il quale l'avv. Adolfo RUSSO e i suoi Avvocati 4.0, l'avv. Renato IASELLI ed i suoi Avvocati del Fare e l'avv. Elio Sticco con l'avv. Rosanna RAUCCI hanno ribaltato l'Ordine del Giorno con il quale l'avv. Ottavio

adolfo russo 2PANNONE intendeva revocare il suo vice Presidente avv. Renato IASELLI ed il tesoriere avv. Anna Maria SADUTTO ed invece è stato revocato lui da Presidente e la segretaria del COA avv. Tiziana FERRARA. Sulla vicenda si è espressa anche l'avv. Angela DEL VECCHIO su "casertareport.it" ma il leit motiv è sempre lo stesso: quello del "ritorno al passato".

E' giusto secondo noi pubblicare questo documento che ha procurato un evento senza precedenti.

L'intestazione dice tutto:"Richiesta di inserimento primi quattro punti all'O.d.G. del consiglio convocato per il giorno 12 Aprile ore 15.00 ex art.14 del regolamento generale." E poi il testo:

"I sottoscritti consiglieri avvocati Luciana Basilica, Rossella Gravina, Renato Iaselli, Mario Palmirani , Renata Puoti, Rosanna Raucci, Adolfo Russo, Elio Sticco, Annamaria Sadutto, Massimo Sciaudone, Clemente Teodosio ai sensi dell'art.14 del Regolamento Generale chiedono di discutere preliminarmente ad ogni altro punto i seguenti argomenti, facendo presente di costituire la maggioranza assoluta e che non risulta quindi ammissibile null'altro che l'inserimento in O.d.G. dei punti seguenti, previo invito al Presidente ed alla Segretaria di rassegnare le dimissioni:
1)Sfiducia nei confronti del Presidente Avv. Ottavio Pannone, conseguente revoca, determinazioni.
2)Nomina del Presidente.
3)Sfiducia nei confronti della Segretaria avv. Tiziana Ferrara, conseguente revoca, determinazioni.
4)Nomina del Segretario.

Invero, la maggioranza costituitasi dei presenti si è determinata alla richiesta di invitare il Presidente avv. OttavioPannone ed il consigliere Segretario avv. Tiziana Ferrara a rassegnare con effetto immediato le dimissioni rispettivamente da Presidente e di Segretario del COA, no potendosi pi ritenere compatibili detti ruoli con i comportamenti da loro assunti nell'esercizio delle proprie precipue funzioni: in particolare tale sfiducia è motivata e si rende, allo stato, quanto mai necessaria nell'interesse dell'avvocatura sammaritana, atteso il loro voto contrario(consiglio del 22.02.2019), in relazione alla ipotesi di costituzione del C.O.A. nel giudizio promosso per l'annullamento della proclamazione degli eletti avanti il C.N.F., da tre ex candidati ed avente come richiesta sostanziale lo scioglimento dell'Ente.

Lo stesso Presidente, poi, è stato accompagnato da uno dei predetti ricorrenti, non è hiaro in quale veste, nel saluto portato ai Sindaci.

Il Presidente ha poi sistematicamente omesso di rispondere (in una sola occasione lo ha fatto con richiamodi stile) alle ripetute istanze dei consiglieri Gravina, Sciaudone,Sticco(e relativi confirmatari delle istanze) per l'inserimento di punti all'O.d.G. sino a giungere, in relazione, in particolare, alle problematiche della Fondazione, ad aver maturato la scadenza naturale del C.d.A. attuale senza neppure discutere di nuovo C.d.A.

Ha inoltre omesso di procedere alla nomina dell'A.D.R. dell'Ente malgrado siano trascorsi due mesi dal'insediamento, e pari omissioni risultano in tema di adeguamento GDPA ed antiriciclaggio.

Ha inoltre omesso di inserire in OdG senza previo concerto con la Tesoreria,come da regolamento e senza prederminzione della tassa.

Da ultimo, ma non per ultimo, ha convocatoil consiglio per il giorno 8.4.2019 inserendo all'OdG solo ed esclusivamente (e malgrado le imminenti scadenze in tema di determinnazione della tassa annuale, bilancio preventivo,rinnovo CdA Fondazione, etcc.), in sintesi, "revoca del vice presidente e della tesoriera con eventuale noina dei sostituti", senza alcuna reale o comunque condivisa motivazione atteso che gli stessi revocandi avevano chiesto il rispetto del regolamento, delle funzioni e, in definitiva del Consiglio stesso; peraltro, lungi dal prendere atto del senso e delle conseguenze della mancanza del numero legale che non ha consentito neppure la costituzione dek C.O.A. convocato per l'8.4.2019 ha riconvocato lo stesso consiglio per il 12.4.2019, ore 15.00, con identico OdG.

Tutto quanto innanzi evidenziato, a titolo esplicativo ma non esaustivo, appare sintomatico della necessità della revoca del Presidente e del Segretario per le dette mancanze ai fini del corretto funzionamento dell'organo e del rispetto del regolamento, al di là della chiara lesione del rapporto fiduciario."

That's all! Direbbero gli inglesi e noi diciamo "Questo è tutto!" quanto scritto nel documento sottoscritto da undici consiglieri dell'Ordine che ora governano il Foro Sammaritano con il Presidente avv. Adolfo RUSSO.